Una passeggiata tra le nuvole dal 5 al 29 marzo 2014

Biennale di Lione: Musique en Scène

  Cultura e società  

Grame, il centro nazionale di creazione musicale di Lione (FR), dal 5 al 29 marzo 2014, ospita la VII edizione del Festival di Creazione contemporanea “Musique en Scéne”, prestigiosa occasione dedicata alla scoperta e all'incontro con i protagonisti del repertorio contemporaneo esistente, incentrata quest'anno, sul tema dell' effimero mondo delle nuvole e dell’alta tecnologia.

Nel corso dei quattro fine settimana previsti, saranno presentate 20 creazioni mondiali e 10 prime nazionali. La Biennale diventerà un momento privilegiato di scoperta e di incontro per tutti gli amanti della musica contemporanea e non solo.

I luoghi della manifestazione saranno i Teatri e i Musei principali della città, cuore del dipartimento del Rodano -Alpi, a sole 3 ore di distanza da Torino.

Ad animare l'intero tessuto cittadino coinvolto dall'evento, che ruota attorno al tema centrale delle nuvole, musica, teatro, installazioni, danza e video.

Proprio nelle nuvole si ritrova il filo conduttore di questa edizione. Più che un elemento poetico, la nuvola del “cloud conputing”, rappresenta un nuovo concetto sempre più presente nel linguaggio dell’alta tecnologia. Come un fluido vitale, le componenti digitali invadono la società e favoriscono la creazione a distanza e in rete.

La musica, cosi come accade per le altre discipline dell’arte, segue questo movimento. Circola nella rete, si suona sugli schermi, si ascolta sui cellulari … “Musique en scène” è dunque il palcoscenico che vuole far conoscere queste nuove realtà, di cui l’artista traccia a suo modo le prime bozze.

Forte del successo dell’edizione precedente, il direttore artistico delegato, Damian Pousset, ha dedicato questa VII edizione della Biennale, all’artista tedesco Heiner Goebbels, organizzando una delle più grandi retrospettive sul suo lavoro: 2 concerti sinfonici, 4 spettacoli di teatro musicale, 1 istallazione sonora e visiva, 1 film, 1 incontro al campus studenti e molti altri appuntamenti, che permetteranno al pubblico di scoprire una delle maggiori figure di spicco della scena contemporanea.

Arte, cultura, gastronomia; se non siete mai stati a Lione il mese di marzo é il buon momento per andare alla scoperta di una delle città tra le più belle delle Francia, lo dice l’UNESCO che dal 1998 ha eletto il suo centro storico Patrimonio dell’Umanità.

Il capoluogo della regione Rodano - Alpi é situato a sud-est del Paese, terza città più grande della Francia dopo Parigi e Marsiglia.

La città sorge alla confluenza del Rodano e della Saona ed è composta da un centro storico (Vieux-Lyon, Fourvière, Saint Jean) e da un centro più commerciale con la Place des Terreaux, Place Bellecour e la Rue de la République sulla penisola tra Rodano e Saona.

Situata non lontano dal confine italiano, la città ha la tipica Grandeur transalpina: musei, monumenti, passaggi nascosti, parchi, panorami, festival, teatri, café teatro, gastronomia e tanta vita notturna, Lione é una delle città più in fermento della Francia, piena di bei palazzi dalle grandi finestre, fontane antiche e moderne suggestive, con tanti ristoranti trendy e un bel lungo fiume da percorrere a piedi o in bici.

Alcuni di questi affascinanti luoghi ospiteranno gli spettacoli di questa VII edizione del festival ed é proprio in queste fantastiche cornici che avverrà il magico incontro tra storia, cultura, arte e musica.

Questa VII edizione si chiuderà il 29 marzo con una passeggiata musicale non convenzionale: un'intera giornata con pass a 10 euro in cui tutti gli amanti della musica potranno trovarsi lungo le rive del fiume Saône, passando di concerto in concerto, per terminare il tour musicale con una performance interattiva di telefoni portatili, ospitata al Teatro della Croix Rousse.

 Versione stampabile




Torna