FOCUS ON LINE - RIVISTA N° 1, 4 febbraio 2016

Turismo d’autore, Nel mondo

Itinerari gustosi
Allo Tschuggen Grand Hotel di Arosa, in Irlanda, in Germania, in Centroamerica

Irlanda del Nord: 366 giorni dedicati ai buongustai -

Con “Year of Food and Drink 2016”, l’Irlanda del Nord è pronta a celebrare l’enogastronomia locale e, visto che l’anno che verrà sarà bisestile, saranno ben 366 i giorni dedicati ai suoi produttori artigianali, ai suoi chef e alle prelibatezze prodotte in ogni angolo del paese.

Grazie alle sue sterminate distese verdi, alle coste selvagge e alle sue antiche tradizioni, il paese riveste una posizione internazionale di prestigio, nella creazione e preparazione di alcuni fra i migliori e più freschi prodotti: da pane fragrante e pregiate carni, a formaggi artigianali, profumati liquori, prelibati cioccolatini e birre artigianali.

Le celebrazioni del 2016 sapranno riunire le eccellenze in un vasto programma di festival gastronomici ed eventi che si svolgeranno nel corso di tutto l’anno. Ogni mese del calendario sarà dedicato ad una diversa tematica agroalimentare.

Info: www.irlanda.com - www.nigoodfood.com

The Basement - Gourmet Diner allo Tschuggen Grand Hotel di Arosa -

Lo Tschuggen Grand Hotel, albergo 5 stelle situato ad Arosa a 1.800 metri di altitudine, amplia ulteriormente i suoi orizzonti gastronomici con il lancio di The Basement, innovativo ristorante che propone le specialità regionali svizzere rivisitate, con un tocco di creatività, da Tobias Jochim, head chef dell’hotel.

Il nuovo punto di ristoro, che si ispira al movimento fast food international, offre una cucina semplice e genuina, basata su ingredienti svizzeri di alta qualità; tra i piatti signature: hamburger con fonduta svizzera accompagnato da un bicchiere di kirsch (eau-de-vie alla ciliegia), fish and chips preparati con filetti di pesce persico del Lago di Costanza e, per concludere in dolcezza, cheesecake a base di formaggio locale di Arosa.

Il nuovo ristorante apre nell’ex Bündnerstube al piano seminterrato, attualmente in fase di ristrutturazione completa. In un ambiente luminoso, in cui dominano la pietra, l’ardesia e il legno, il noto designer Raffaello Otto dell’Atelier 72 ha creato un ambiente in perfetto stile rustico.

Info: www.tschuggen.ch

La Germania dei gourmet -

L'isola di Sylt , la Capri tedesca nel Mare del Nord, misura appena 99 kmq ma possiede ben quattro ristoranti stellati (di cui due con doppia stella, il Söl'ring Hof e il Fährhaus).

Molti altri locali dell'isola a giudizio dei critici gastronomici spiccano per qualità e creatività, come il chiringuito di lusso Sansibar tra le dune di Rantum.

Anche Berlino inizia il 2016 con un ricco carnet di ristoranti pluripremiati. In più, la rivista americana "Saveur" l'ha appena celebrata come nuova capitale vegetariana. Sono infatti numerosi i ristoranti come il vegano Lucky Leek o il Cookies Cream che propongono menu vegetariani o biologici. E insieme ai chioschi di döner kebab di tradizione turca, ora spopolano i "vöner", la loro versione vegetariana.

Info: www.germany.travel/it

Tour del caffé per assaporare il gusto del Centroamerica -

Oggi il caffè è un’icona del Centroamerica e uno dei suoi prodotti simbolo da esportare.

Nel settore della produzione di caffé nella regione, l’Honduras occupa il primo posto, il terzo in tutta l’America e il sesto a livello mondiale. A Copán, nella zona più alta e montuosa del Paese, si ottengono i migliori chicchi del Paese e la coltivazione e la produzione di questa bevanda rappresentano importanti attività economiche.

Un'altra regione è Montecillos, nota per essere la prima zona in cui venne prodotto caffé di alta qualità nei primi anni del XI secolo. In Nicaragua, il tour del caffé è la terza attrazione turistica più importante del Paese, dopo i percorsi coloniali e i vulcani.

L'intero tour si estende in cinque zone: Estelí, Jinotega, Madriz, Matagalpa e Nueva Segovia. Ad Antigua Guatemala si può visitare il Museo del Caffé, una vecchia fattoria adattata a centro espositivo e culturale: macchine di inizio secolo utilizzate durante la lavorazione, fotografie, mappe, antichi mulini, caffettiere e tanto altro.

Info: www.visitcentroamerica.com

Franca Dell’Arciprete