Differenti linguaggi, tecniche e prospettive culturali per offrire interpretazioni del tutto originali di un elemento apparentemente comune

Aquae Mundi: una mostra di arte contemporanea e design

  Cultura e società  

L'idea di "Aquae Mundi" nasce dalla evoluzione di alcuni precedenti progetti espositivi curati da Walter Vallini e Antonello Andrea D’Egidio attraverso l’apporto contenutistico culturale di bevisible+: "Living in Lift", ed “Eccellenze Illuminate”.

Mostre ispirate all’accostamento tra Arte Contemporanea e Industrial Brand di eccellenza interpretati attraverso il “filtro” di artisti fotografi contemporanei di fama internazionale. “Aquae Mundi” si presenta come una mostra itinerante ed in "progress", "non conclusa e non conchiusa" sempre aperta a proposte , contributi diversi e originali, arricchendosi di volta in volta di nuovi artisti e designers da presentare in nuove e differenti location, per avvicinare il grande pubb

Infatti dopo la prima edizione presentata a Torino nel corso di Artissima 2014 in tre differenti spazi (QCTERMETORINO, Fusion Art Gallery e Innerspace, 17) la mostra Aquae Mundi è stata riproposta per la Design Week e l’inaugurazione di EXPO 2015, in collaborazione con bevisible+ e DDN, ampliandola e accostandola al design di Marchi d’eccellenza.

Gli artisti e le aziende invitate hanno proposto opere ed oggetti lavorando su un tema comune (l'acqua) esprimendosi attraverso differenti linguaggi, tecniche e prospettive culturali, offrendo in questo modo interpretazioni del tutto originali di un elemento apparentemente comune. L’operazione di “iconizzare” il marchio Valverde, ad esempio, attraverso una particolare collezione di oggetti luminosi (tavoli e lampade) disegnati da Walter Vallini utilizzando le bottiglie di acqua, è stata emblematica di questa fusione concettuale tra marchio d’impresa e cultura dell’art-design.

Si è immaginato che linguaggi, mezzi espressivi e creativi diversi potessero rendere la complessità degli approcci e degli stili ad un tema come quello dell'acqua che si presenta come catalizzatore di riflessioni sugli stili di vita e la sostenibilità.

L'evento si sviluppa in due differenti aree: una INDOOR e l'altra OUTDOOR.

Lo spazio esterno è stato concepito e progettato come una "piazza" realizzata nell'area antistante l'edificio di QC TERMEMILANO. La piazza centro sociale, architettonico e politico delle nostre città storiche, è riproposta quale elemento simbolo del nostro grande passato in concomitanza con due eventi, i Saloni e l'EXPO, che vogliono riportare il nostro Paese al centro dell'attenzione mondiale. Gli elementi che definiscono questo luogo sono: la pavimentazione in quadrotte di tek, fornite e posate dalla BELLOTTI S.p.A, e la quinta laterale, limite costruito dalla alternanza delle lampade a terra per esterno AMAX di Fontana Arte e i pannelli decorativi di Federico Viola. Il fulcro funzionale e formale, di questo spazio è il "CUBE BAR", un cubo caratterizzato dal rivestimento decorativo in formelle adesive in plastica color blu mare di MDM. Nei giardini di QCTerme sono stati collocati, inoltre, i “water circles”, installazioni di Fukushi Ito sempre realizzate con le bottiglie d’acqua Valverde.

Nell’area INDOOR intorno allo spazio circolare si sviluppano dei parallelepipedi di colore nero; in stile museale, contenitori nei quali sono inseriti gli oggetti delle aziende invitate. L'ingresso a questo spazio è evidenziato dai "LUMINOSI" di VALVERDE oggetti luminosi disegnati da Walter Vallini e una installazione dell’artista Matteo Mezzadri realizzata con la bottiglia Valverde. Il centro della " piazza circolare" è contraddistinto da una scultura in acciaio e ampolle in vetro realizzata dall'artista giapponese Fukushi Ito. All’ingresso accolgono i visitatori opere d’arte robotica di Ale Guzzetti che recitano poesie del Petrarca a tema dell’acqua, installazioni di Robert Lang e lavori di Federico Viola.

Il Progetto è pronto per spostarsi, al termine del periodo, in altri importanti contesti sia nazionali che internazionali, ove vi sia l’opportunità di testimoniare l’impegno congiunto di aziende, artisti e art-designer a sensibilizzare il pubblico verso nuovi scenari di creatività, sostenibilità e innovazione.

 Versione stampabile




Torna