Progetto artistico e sociale itinerante dal Baltico al Mediterraneo: dal 23 maggio al 3 ottobre 2015

Meeting the Odyssey

  Cultura e società  

Meeting the Odyssey è un progetto artistico e sociale itinerante che parte dal Mar Baltico per arrivare nel Mar Mediterraneo. Ogni estate dal 2014 al 2016, artisti e organizzatori di diversi Paesi europei navigano insieme a bordo del veliero Hoppet mettendo in scena pièce teatrali, azioni sul territorio chiamate instant performances, convegni e workshop in tutta Europa.

Il progetto intreccia elementi dell’Odissea, tematiche europee attuali e storie raccolte attraverso lo scambio con le popolazioni locali. Meeting the Odyssey è esso stesso viaggio: è collaborazione a lungo termine e scoperta continua di nuovi paesaggi e pratiche culturali per dar vita a sinergie artistiche su scala europea.

Dopo il tour del 2014 nel mar Baltico, dal 23 maggio al 3 ottobre 2015 il progetto approda nell’area del Mediterraneo, con una tappa speciale in Lombardia: nella cornice di EXPO 2015, ScarlattineTeatro e Regione Lombardia accolgono artisti e operatori provenienti da tutta Europa. Meeting the Odyssey prevede l’ultimo tour nel 2016 in Grecia.

Meeting the Odyssey è organizzato da Viirus (FIN), ScarlattineTeatro (ITA), Regione Lombardia (ITA), Skorohod Platform (RUS), Réseau en Scène Languedoc-Roussillon (FR), Teater Asterions Hus (DK), ProFitArt (CZ), Cada Die Teatro (ITA), Theatro Anapoda (GR), Malta Council for Culture and the Arts (MT), No 99 (EE), Opolski Teatr Lalki i Aktora (PL), Teatro della Limonaia (ITA), Per Aspera Productions (D) e con Metropolia, Università di Scienze Applicate di Helsinki come partner associato; finanziato da Unione Europea, Fondazione Cariplo (I), Svenska Kulturfonden (FIN), Kultuuriministeerium (EE), Ministerstvo Kultury (CZ), Prague Municipality (CZ) sotto la direzione artistica di Michele Losi (ScarlattineTeatro).

È un sogno che si avvera questa nave di artisti che naviga, come Ulisse 3000 anni fa, tra il Baltico e il Mediterraneo, per approdare a Itaca il 14 giugno 2016. Un progetto visionario che mescola narrazioni, storie, lingue e popoli per raccontarci la contemporaneità complessa dell’Europa di oggi.

Meeting the Odyssey 2015 parte il 23 maggio da Milano (Piattaforma dei Navigli) con il convegno Meeting #1 - La questione omerica e un’Odissea contemporanea (ore 16.00), l’inaugurazione della mostra fotografica Voci e sguardi dall’Europa di oggi e, alle 18.00, alle Colonne di San Lorenzo, la prima instant performance a cura di Teatro delle Moire e Qui e Ora. Ogni tappa del progetto prevede, infatti, un appuntamento di instant, ovvero azioni performative nate dall’incontro tra il team internazionale del progetto e artisti, persone e spettatori locali. In Lombardia le instants saranno realizzate anche a Cernobbio (CO) e Campsirago di Colle Brianza (LC).

Il 27 maggio (con repliche fino al 31), il debutto in prima assoluta della coproduzione internazionale sbarchi_un’odissea (produzione C) ideata e diretta da Michele Losi (ScarlattineTeatro_ Campsirago Residenza). Lo spettacolo attraverso il corpo, la musica e la parola racconta l’altra faccia del Nostos, della nostalgia del ritorno, dell’impossibilità del riconoscere, del riconoscersi e del tornare ad amare una volta a casa, dopo una lunga assenza. Cuore della scena sarà il pubblico, al centro del Palazzo di Odisseo, trasformato da Penelope e dall’eterno scorrere del tempo.

In Lombardia il tour prosegue a Dervio sul Lago di Como (5/7 giugno), per poi far tappa a il Giardino delle Esperidi Festival sul Monte di Brianza (12/15 giugno) per poi tornare sul Lago, a Como e a Cernobbio (19/21 giugno), a bordo della barca a vela Calipso.

La navigazione di Hoppet riprende da Camogli (28 giugno) in direzione Malta-Gozo per partecipare al Malta Arts Festival dall’8 al 18 luglio, per portare lo spettacolo proprio nei luoghi nei quali, secondo Omero, Calipso tenne per sette anni Odisseo.

La tappa di Meeting the Odyssey nel cuore de il Giardino delle Esperidi Festival (XXI edizione con oltre 30 appuntamenti dal 10 al 28 giugno), assume quest’anno un valore simbolico per ScarlattineTeatro. Campsirago Residenza, infatti, dal 2015 è un vero e proprio centro di produzione. Una piattaforma culturale che promuove la ricerca teatrale, con una forte vocazione alla relazione e grande cura verso il territorio, inteso come intreccio di comunità, storia, paesaggio da tutelare e valorizzare. Sei le linee artistiche: la produzione di spettacoli teatrali, la formazione, l’organizzazione di festival ed eventi culturali, l’attività di rete con altre residenze, associazioni, enti; il sostegno alla produzione, organizzazione e distribuzione di compagnie ed artisti e l’ideazione e realizzazione di progetti nazionali e internazionali.

Regione Lombardia ha scelto di aderire al progetto, considerata la forte coerenza con la programmazione e gli obiettivi regionali: in particolare per sostenere la creatività e la produzione di spettacoli, incentivando scambi internazionali di artisti e progetti di integrazione delle discipline e di contaminazione dei linguaggi, e per promuovere il processo di integrazione tra realtà regionali e locali lombarde con analoghe realtà europee, al fine di valorizzare il territorio e il patrimonio artistico lombardo.

La seconda produzione del 2015 è Nausicaa, io sono io, firmata dalla compagnia Cada die teatro, il cui debutto in prima assoluta è previsto in Sardegna il 4 agosto (Jerzu, Festival dei Tacchi).

Nausicaa, io sono io si interroga su come il teatro può raccontare senza retorica l’orrore che quasi quotidianamente si ripresenta alle porte meridionali dell’Europa. Il regista Giancarlo Biffi porta in scena tanti “nuovi Odissei” per raccontare attraverso azioni, parole e rivelazioni, frammenti di storie raccolte durante le sette tappe della tournée del 2014. “Abbiamo raccolto istanti di vita di donne e uomini che abitano in diversi Paesi d’Europa per poi provare a rappresentarli in un unico momento di teatro” (Giancarlo Biffi, Cada die Teatro).

Il tour sardo (4/22 agosto) tocca - dopo Jerzu - Siniscola, Olbia, Bosa-Montresta, Carloforte, Sant'Anna Arresi.

Dal 23 al 27 agosto la navigazione di Hoppet prosegue verso la Francia per toccare tra il 28 agosto e il 19 settembre St. Cyprien, Gruissan, Sète e Port Camargue. Ultima tappa (23 settembre /3 ottobre) Sesto Fiorentino (Fi) per Intercity Festival.

Meeting the Odyssey in sintesi e in numeri: 1 veliero Hoppet, 4 coproduzioni internazionali, 100 repliche, 14 Instants, 11 Paesi, 14 partner, 100 artisti e organizzatori culturali, 4 grandi tour dal 2014 al 2016 che toccheranno più di 20 porti, migliaia di miglia nautiche, almeno 20.000 spettatori, 400 partecipanti ai workshop, 400.000 persone coinvolte.

Info e prenotazioni: sbarchi_un’odissea - tel. +390399276070 - info@scarlattineteatro.it - Milano 15 euro, Dervio (LC) ingresso gratuito, Consonno di Olginate (LC) 15 euro, Como 5 euro, Camogli ingresso gratuito, Malta in fase di definizione; Nausicàa io sono io - tel +39070565507 / +390705688072 - cdt@cadadieteatro.it.

 Versione stampabile




Torna