Puntuale all’appuntamento il vademecum del mangiare bene in Italia

Ristoranti d’Italia 2018 del Gambero Rosso

  Cultura e società  

Nella moderna cornice dell’hotel Sheraton di Roma si è svolta il 23 ottobre la premiazione dei campioni della Guida RISTORANTI D’ITALIA 2018 del Gambero Rosso. Il riconoscimento è andato a 38 Tre Forchette e 25 Tre Gamberi: il numero più alto di sempre da quando è nata Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso ventotto anni fa.

La cucina italiana è più matura più che mai. Con l’espansione dei social che permettono confronti velocissimi e forniscono agli utenti “servizi” aggiornati in tempo reale, ma dall’altro mettono sul piatto (nel senso letterale del termine) il rischio di un’omologazione di format e ingredienti, i migliori esponenti del made in Italy fanno quadrato e mandano al mondo un messaggio chiarissimo.

Non è più tempo di sterili esercizi di stile, trionfano concretezza e immediatezza di sapori. Si riparte dalla tradizione perché, se è vero che non c’è futuro senza contaminazione, scambio, confronto, è altrettanto certo che non c’è futuro senza tradizione e la grande esplosione dei Tre Gamberi, le trattorie custodi della sapienza familiare, lo conferma.

Il territorio, dunque, come centro nevralgico del sistema, e al cuore di tutto c’è l’ingrediente. È dalle radici che si riparte per disegnare il futuro. L’arma vincente è il perfetto mix fra tecnica e concretezza contadina.

Ma torniamo ai numeri. 38 Tre Forchette (nove in più del 2017) compongono la squadra dei migliori ristoranti d'Italia. I nove nuovi ingressi - Agli Amici dal 1887, Atman a Villa Rospigliosi, Enrico Bartolini Mudec Restaurant, Da Caino, D’O, Duomo, Imàgo dell’Hotel Hassler, Miramonti l’Altro, Pagliaccio - danno più che mai l’idea della straordinaria vitalità della nostra cucina, che vede in prima linea non solo giovani talenti ma anche “grandi vecchi” capaci di regalare, grazie a fortunati o intelligenti ricambi generazionali, nuove emozioni.

Senza dimenticare non solo le trattorie, ma anche i wine bar, le birrerie e gli etnici, i cui “campioni” sono indicati - rispettivamente - come Tre Gamberi - che vedono quest’anno ben sette nuovi ingressi, Tre Bottiglie, Tre Boccali e Tre Mappamondi. Occhio più attento, poi, al fenomeno bistrot, formula contemporanea che spopola in molteplici varianti caratterizzate da fruizione informale e menu eclettici e moderni, valutati con un simbolo apposito, le Tre Cocotte: tre i detentori del massimo riconoscimento.

E ancora, i premi speciali:

Novità dell'anno: Signore te ne ringrazi, la nuova creatura di Michele Biagiola a Montecosaro (MC);

Ristoratore dell'anno: Stefan Wieser de la Siriola dell’Hotel Ciasa Salares di San Cassiano (BZ);

Miglior comunicazione digitale: Le Calandre di Rubano;

Miglior servizio di sala: Lido 84 di Gardone Riviera (BS);

Miglior servizio di sala in albergo: L’Olivo del Capri Palace di capri (NA).

Continuano infine le prestigiose collaborazioni che hanno coronato la premiazione: TrentoDoc, storico compagno di viaggio, cui si aggiunge quest’anno Circuito da Lavoro, per le Tre Forchette; Acqua Panna e S. Pellegrino per il “Cuoco emergente”: Andrea Leali di Puegnago sul Garda (BS); Franciacorta Animante Barone Pizzini per il premio “Terra e Ambiente”: Carlo Magno di Collebeato, Andreina di Loreto, Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi; Pastificio dei Campi per il “Ristorante con la migliore proposta di piatti di pasta”: La Magnolia dell’Hotel Byron di Forte dei Marmi (LU); Molini Spigadoro per il “Miglior pane in tavola”: Capofaro Malvasia Resort di Salina (ME); Nuova Castelli per il “Ristorante che valorizza i grandi prodotti caseari Dop italiani”: Zur Rose di Appiano (BZ); La Bella Estate Vite Colte per il “Pastry chef dell'anno”: Luca Lacalamita dell’Enoteca Pinchiorri di Firenze; IBeer per il “Ristorante con la migliore proposta di abbinamento cibo/birra”: Votavota Marina di Ragusa; Ferzo Wines per le tavole con il “miglior rapporto qualità prezzo”.

La guida è disponibile in edicola e in libreria a 22 €, o al prezzo scontato di 18,70 € sul sito http://www.gamberorosso.it/it/guide-libri/ristoranti-ditalia-2018-detail

Ugo Dell’Arciprete

 Versione stampabile




Torna